Enogastronomia - Proloco Piverone

Vai ai contenuti

Menu principale:

Enogastronomia


Il COREGONE o Lavarello, è il caratteristico pesce del lago di Viverone.
Deve il suo nome alla forma della pupilla dei suoi grandi occhi con il margine inferiore che termina in un angolo acuto (Coregonus infatti significa “pupilla ad angolo”).
Ha un corpo affusolato con una testa piccola e appuntita che termina con una bocca di piccole dimensioni priva di denti e con labbra cartilaginee.
Le scaglie argentee che lo rivestono creano riflessi grigio azzurri sul dorso mentre il ventre è bianco ed i fianchi argento.
E’ diffuso nelle acque dolci del Nord Europa, Francia e Svizzera da cui, nel XIX secolo venne introdotto in Italia.
Le carni sono bianchissime e molto ricercate per lo squisito sapore, per nulla grasse altamente digeribili e quasi prive di spine si prestano a diventare piatti prelibati che danno vita ad una variegata di ricette per tutti i palati.



L'Erbaluce fiore all'occhiello della ricca produione vinicola del territorio, dall'uva bianca Erbaluce si ottengono tre tipologie di vino:
Erbaluce di Caluso D.O.C., Erbaluce di Caluso Spumante D.O.C. e Erbaluce di Caluso Passito D.O.C; le tre varianti esprimono con chiarezza il grande potenziale enologico di questo vitigno.
L'Erbaluce è stato il primo bianco piemontese ad ottenere nel 1967 la Denominazione d'Origine Controllata.
Se la viticoltura in Canavese è conosciuta molto prima dell'arrivo dei Romani, dai quali era conosciuto come Alba Lux, l'Erbaluce è uno dei vitigni piemontesi più antichi e se ne hannonotizie storiche dal 1606, data in cui se ne fa menzione in un libro di Giovanni Battista Croce, gioielliere del Duca Carlo Emanuele I.
Il vitigno prende probabilmente il nome dal colore che gli acini assumono in autunno facendosi più intensi e ambrati sotto i raggi del sole.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu